Marisa Falcone (Forum Beni Comuni ed Economia Solidale Catania)

on .

INTERVISTA CON Marisa Falcone
(Presidente Forum per i Beni Comuni e l’Economia Solidale di Catania)  


Premessa

Quando all’inizio del 1900 Gandhi promuoveva un modello di sviluppo economico diverso, basato sulla cosiddetta Swadeshi (un’economia che punta sullo sviluppo locale, riducendo al minimo la dipendenza dall’estero) veniva deriso. Eppure questo modello ci torna tuttora estremamente utile nell’affrontare i problemi degli eccessi dell’economia capitalistica orientata al profitto di breve termine (brama di produttività, conseguente disoccupazione, distruzione delle comunità locali e depauperamento delle risorse). 

Blake Burris (Cleanweb e Urban Mobility)

on .

INTERVISTA CON Blake Burris (Cleanweb e Urban Mobility)
(Fondatore del ‘Cleanweb Movement,’ chief hacktivist e responsabile Developer Relations dell’azienda Vinli)

Premessa

Oggi Internet, i social media, e il mobile sono una parte integrante della nostra vita. La maggior parte delle nostre attività quotidiane (dal momento in cui ci svegliamo, al viaggio per l'ufficio, al lavoro etc…) fanno largo uso della Information Communication Technologies (ICT). E' ormai lapalissiano che l’ICT, grazie a dispositivi sempre più sofisticati e connessi H24, sta rivoluzionando il nostro stile di vita, il modo in cui consumiamo le risorse e interagiamo con le altre persone. La nostra vita sta diventando di fatto sempre più 'connessa.’

Danny Dorling (A Better Politics)

on .

INTERVISTA CON Danny Dorling (A Better Politics)
(Professore di Geograpia all'Università di Oxford; autore di autore di ‘A Better Politics’  - http://www.dannydorling.org/)

Premise

Oggi siamo nuovamente con Danny Dorling. Autore di numerosi libri e articoli su tematiche sociali, Danny ha recentemente pubblicato due libri molto interessanti che indagano in profondità sulla tematica della 'diseguaglianza' (Injustice: Why Social Inequality Still Persists) e sugli effetti della Politica sulla felicità persone (A Better Politics: How Government Can Make Us Happier). Secondo Danny, la disuguaglianza, la felicità, la politica e l'economia sostenibile sono quattro tematiche fortemente correlate. Vediamo perché...

Giuseppe Onufrio (Referendum 17 Aprile 2016)

on .

INTERVISTA CON Giuseppe Onufrio (Referendum 17 Aprile 2016)
(Greenpeace Italia – Direttore esecutivo - http://www.greenpeace.org/italy/it/)

Premessa

Il 17 Aprile siamo chiamati a votare il cd. ‘Referendum sulle Trivelle.’ Tuttavia, a molte persone non è ancora ben chiaro quali effetti comporterebbe la vittoria di un ‘Si’ o di un ‘No’ nella votazione. Oggetto del Referendum è l’abrogazione di una legge che consentirebbe di continuare l’attività di estrazione entro le 12 miglia dalle coste italiane. I sostenitori del ‘Si’ considerano importante cogliere l’opportunità per porre fine a tali trivellazioni, che sono pericolose per i nostri mari. I sostenitori del ‘No’ chiamano in causa il contributo che tali piattaforme danno al soddisfacimento del fabbisogno energetico e all’occupazione. Perché occorre votare per il ‘Si?’ Qual è la situazione delle piattaforme petrolifere nei mari italiani? Sono tali piattaforme veramente strategiche per il sistema energetico italiano? Giuseppe Onufrio, Direttore Generale di Greenpeace Italia, ha risposta a queste e ad altre domande. 

Donnachadh McCarthy

on .

INTERVISTA CON Donnachadh McCarthy
(Autore di The Prostitute Statehttp://www.theprostitutestate.co.uk/index.html)

Premessa

La democrazia è una delle istituzioni più importanti mai creata nella storia del genere umano. Grazie alla democrazia, le persone che governano un gruppo, una comunità o uno Stato agiscono nell'interesse della 'maggioranza' della popolazione invece che nel proprio interesse o nell'interesse della 'minoranza:' la democrazia consente la realizzazione della volontà del popolo. In uno stato democratico 'vero' tutto il popolo dovrebbe essere coinvolte nel processo attraverso cui vengono prese le decisioni che interessano il proprio Paese. Secondo il World Forum on Democracy, oggi 120 dei 192 Paesi esistenti sono democrazie e rappresentano il 58,2 per cento della popolazione mondiale. Ma possono queste essere considerarle 'vere democrazie?' La risposta dipende da molti fattori. Prima di tutto dal modo in cui il 'pensiero del popolo' viene creato (sistema di istruzione), da come viene diffusa l’informazione (industria mediatica), e da come si finanziano i partiti. Secondo Donnachadh McCarthy, giornalista ambientalista e autore del libro The Prostitute State, la formazione e la diffusione del pensiero, così come il finanziamento dei partiti nel Regno Unito (regola che comunque troviamo in molti paesi occidentali) sono nelle mani di poche persone molto ricche. La politica agisce nell'interesse delle grandi imprese, piuttosto che in quello della maggioranza della popolazione. L’attuale 'declino della democrazia' è altresì favorito da una progressiva riduzione del numero di persone che si reca alle urne per votare. Donnachadh McCarthy afferma che 'oggi non viviamo più in una democrazia funzionante ... ma viviamo in quello che lui definisce Lo Stato Prostituta,' uno Stato che si vende ai propri finanziatori, in cui i politici sono corrotti, i mezzi di comunicazione sono nelle mani di poche persone (Donnachadh utilizza l’espressione ‘captured’), il mondo accademico è altresì guidato da una minoranza di interessi, ed il sistema di finanziamento dei partiti è dominato da pochi ricchi evasori che diventano sempre più ricchi. Il risultato finale della 'falsa democrazia' sono secondo Donnachadh una crisi ambientale sempre più profonda (‘i pochi’ vogliono conservare il proprio business spesso basato su pratiche poco rispettose dell'ambiente) e l’impoverimento della giustizia sociale (la ricchezza e il potere sono trasferiti sempre più ad una piccola élite composta da miliardari). Che cosa è esattamente 'The Prostitute State?' Perché è dannoso? Quali sono i suoi pilastri? Ci sono delle soluzioni per riappropriarci di un sistema più democratico? Donnachadh McCarthy ha risposto a queste e ad altre domande.