Roberta Gentile ‘TU&TU’

on .

INTERVISTA CON Roberta Gentile
(Fondatrice e Presidente di ‘TU&TU’)      
 

“PRODURRE CAPI DI ABBIGLIAMENTO FEMMINILI ECO-SOSTENIBILI E CRUELTY-FREE

Premessa
L'industria tessile (la fashion industry) è una delle più redditizie e allo stesso tempo inquinanti della Terra. Produce un fatturato annuo di 1.500 miliardi di euro e oltre un miliardo di vestiti all’anno. Se si pensa poi che la produzione mondiale di indumenti è destinata ad aumentare del 63% entro il 2030, appare ovvio che l’industria tessile avrà un impatto sempre maggiore sull’ambiente e sull’ecosistema terrestre. In questa prospettiva stanno nascendo diverse iniziative che tendono a modificare il modo in cui è concepito il processo produttivo e di consumo nel settore tessile. Una di queste è TU&TU, un brand di moda ecosostenibile che opera nel rispetto dell’ecosistema attraverso l’uso esclusivo di fibre naturali Fair Trade aventi il minimo impatto sull’ambiente, come cotone e lino biologici certificati, fibra di bamboo, canapa, tessuti derivati da alghe, soia e proteine vegetali, eco-microfibre e imbottiture ottenute dal riciclo di materiali plastici. Che tipo di vantaggi comporta una produzione di capi di abbigliamento eco-sostenibili? E’ possibile produrre senza far uso di prodotti animali? Perché l’industria tessile deve diventare più sostenibile? Che ruolo ha il consumatore in tutto questo? La moda eco-sostenibile ha un futuro promettente? Roberta Gentile, fondatrice di ‘TU&TU,’ ha risposto a queste e ad altre domande.

Manuela De Sanctis ‘Rétro eco à porter’

on .

INTERVISTA CON Manuela De Sanctis
(Ideatrice dell’azienda tessile eco-sostenibile ‘Rétro eco à porter’)      
 

“PRODURRE CAPI DI ABBIGLIAMENTO ECO-SOSTENIBILI CON FIBRE NATURALI E ORGANICHE

Premessa
L'industria tessile (la fashion industry) è una delle più redditizie e allo stesso tempo inquinanti della Terra. Produce un fatturato annuo di 1.500 miliardi di euro e oltre un miliardo di vestiti all’anno. Se si pensa poi che la produzione mondiale di indumenti è destinata ad aumentare del 63% entro il 2030, appare ovvio che l’industria tessile avrà un impatto sempre maggiore sull’ambiente e sull’ecosistema terrestre. In questa prospettiva stanno nascendo diverse iniziative che tendono a modificare il modo in cui è concepito il processo produttivo e di consumo nel settore tessile. Una di queste è Rétro eco à porter, un brand di moda ecosostenibile che usa tessuti biologici ed ecofriendly e tinture atossiche per confezionare artigianalmente abiti eleganti, moderni e durevoli. Come nasce Rétro eco à porter? Quali sono i vantaggi delle fibre ecologiche? Com’è possibile aumentare la sostenibilità nel settore Moda? Manuela De Sanctis, fondatrice di ‘Rétro eco à porter,’ ha risposto a queste e ad altre domande.  

Daniel Sperandio (Re-Bello)

on .

INTERVISTA CON Daniel Sperandio
(co-fondatore di ‘Re-Bello’)      
 

“COME PRODURRE CAPI DI ABBIGLIAMENTO ECO-SOSTENIBILI CON EUCALIPTO E LEGNO DI FAGGIO

Premessa

L'industria tessile (la fashion industry) è una delle più redditizie e allo stesso tempo inquinanti della Terra. Produce un fatturato annuo di 1.500 miliardi di euro e oltre un miliardo di vestiti all’anno. Se si pensa poi che la produzione mondiale di indumenti è destinata ad aumentare del 63% entro il 2030, appare ovvio che l’industria tessile avrà un impatto sempre maggiore sull’ambiente e sull’ecosistema terrestre. In questa prospettiva stanno nascendo diverse iniziative che tendono a modificare il modo in cui è concepito il processo produttivo e di consumo nel settore tessile. Una di queste è Re-Bello,  un'azienda tessile ecosostenibile che si occupa di produrre abiti innovativi e di stile con tessuti naturali a basso impatto ambientale e attraverso processi produttivi ecosostenibili…. Come nasce Re-Bello? Perché usare fibre naturali nel produrre capi di abbigliamento? Quali sono i costi/benefici per l’azienda, il consumatore e l’ambiente? Come condurre un’azienda tessile eco-sostenibile? Daniel Sperandio, co-fondatore di RE-BELLO, ha risposto a queste e ad altre domande.

Thomas Cridland (Tom Cridland)

on .

INTERVISTA CON Thomas Cridland 
(Chief Executive Officer di Tom Cridland)      
 

“COME PRODURRE UN ARTICOLO DI ABBIGLIAMENTO ECO-SOSTENIBILE CHE DURA 30 ANNI

Premessa

Quando parliamo di sostenibilità, non possiamo assolutamente limitarci al solo fattore "green" ... È vero, le energie rinnovabili sono un importante strumento per cambiare il nostro modello energetico... Ma non bastano... La sostenibilità va ricercata in ogni settore economico. ....Si condideri "l'industria della moda", un grande emittente di CO2... Ci sono molte iniziative in tutto il mondo che lavorano per la sostenibilità in questo settore. Ma cosa significa essere sostenibili nel settore della moda? Perché l'obsolescenza pianificata in questo settore è pericolosa? Può la sostenibilità diventare un fattore di successo? Può un giovane imprenditore diventare un simbolo del successo e della sostenibilità? Thomas Cridland, direttore esecutivo della Tom Cridland, una marchio di moda di successo, che produce articoli di abbigliamento con una garanzia di ben 30 anni e con clienti come Leonardo DiCaprio, ha risposto a queste e ad altre domande.