News

Turismo: 8% delle emissioni globali

on .

A tutti noi piace viaggiare... Ma quanto contano le nostre scelte di viaggio in termini di emissioni di CO2? Come possiamo ridurle? La risposta arriva da uno studio condotto da Arunima Malik (Università di Sydney) che ha coinvolto un team di ricercatori provenienti da Cina, Indonesia e Australia. Lo studio è chiaro: l'8% delle emissioni globali è da imputare al turismo, ma è possibile agire e fare molto per ridurle.

 (a cura di Dario Ruggiero)
 

“Il viaggiare è ‘un affare ad alto reddito:’ è nei paesi ricchi che si concentrano la maggior parte dei flussi di origine e destinazione dei viaggiatori.”

 
Lo studio
 
L’8% di cui sopra può sembrare poco. Ma in realtà è qualcosa di nuovo e rilevante. Stime precedenti assegnavano al turismo un contributo percentuale del 2,5%-3% alle emissioni globali di CO2. Lo studio include anche le emissioni dovute a tutte le attività del viaggio (consumo di cibo e bevande, infrastrutture e servizi utilizzati). Gli autori hanno ‘collezionato’ i dati dettagliati provenienti da 189 paesi in tutto il mondo. Altri elementi interessanti…: metà dell’aumento totale del 14% delle emissioni dal 2009 al 2013 è da attribuire ai paesi ad alto reddito. La Cina, e più in genere i Paesi a media redditività, hanno registrato il tasso di crescita più elevato: 17,4% all'anno.
 
 
Stati Uniti vs Mauritius…
 
Ma chi emette di più a causa del turismo? Stati Uniti, seguiti da Cina, Germania e India e i viaggi interni (prevalentemente per ragioni di business), hanno un peso rilevante nelle impronte di carbonio di questi paesi. Le piccole isole ad alta concentrazione turistica (Maldive, Mauritius, Cipro e Seychelles) debbono tra il 30% e l'80% delle proprie emissioni al turismo internazionale. Malik e i suoi colleghi descrivono il viaggiare sostanzialmente come un "affare ad alto reddito:" nei paesi ricchi si concentrano la maggior parte dei flussi di origine e destinazione dei viaggiatori. I viaggiatori vivono diversamente a come fanno quando stanno a casa: consumano più alimenti processati e optano per mezzi di trasporto ad alta intensità di carbonio, piuttosto che per i mezzi pubblici.
 
 
“I risultati indicano che gli sforzi per de-carbonizzare l'industria del turismo sono superati dalla crescente domanda di viaggi ad alta intensità energetica.”
 
 
Il ruolo delle innovazioni
 
Ma perché il turismo inquina tanto? Una delle cause va ricercata nel vasto utilizzo del trasporto aereo e di veicoli alimentati con fonti fossili. Allora…parte della soluzione va ricercata: 1) nel ridurre i viaggi o; 2) nel viaggiare diversamente. Il turismo internazionale si basa fortemente sul trasporto aereo. Occorrono innovazioni tecnologiche anche dirompenti a che l’aviazione contribuisca alla de-carbonizzazione dell’economia globale. Affinché l’industria del turismo diventi sostenibile occorrono innovazioni nei veicoli e lungo l'intera filiera.
 
 
Conclusioni
 
Negli ultimi 20 anni il Turismo ha esercitato un ruolo significativo nella crescita della nostra Impronta Ecologica: il numero di voli è aumentato drasticamente così come sono aumentati i nostri consumi lungo l'intero ciclo del viaggio. Malik sostiene che il Turismo crescerà ad un tasso del 4% annuo. Risulta "cruciale," pertanto, renderlo sostenibile: "Raccomandiamo di volare meno, dove possibile, e rimanere legato alla Terra per ridurre le emissioni."
 
Ma questo significa abbandonare il turismo? No. Occorre introdurre veicoli sostenibili e una nuova cultura del Turismo, una cultura che promuove la sostenibilità nel comportamento delle aziende e dei turisti. Le tecnologie dirompenti nel modo in cui viaggiamo così come una nuova cultura del turismo sono fattori ormai non più procrastinabili se non vogliamo rinunciare ai nostri cari viaggi.
 
 
 
La Long Term Economy è un modello economico in grado di condurci verso questo nuovo modo di pensare. Scopri di più sulla Long Term Economy.
Iscriviti alla Newsletter per restare sempre aggiornato sui nostri articoli, case study e interviste.
Per rimanere sempre in connessione con la Long Term Economy e vuoi farne parte del network, Iscriviti al Movimento.

  

 
Dario Ruggiero,
LTEconomy, 23 maggio 2018
  
 
Susan Scutti, (May 7, 2018), “Global tourism's carbon footprint is four times bigger than thought, study says,” CNN - https://edition.cnn.com/2018/05/07/health/global-tourism-carbon-footprint-study/index.html
 
Manfred Lenzen, Ya-Yen Sun, Futu Faturay, Yuan-Peng Ting, Arne Geschke & Arunima Malik, (07 May 2018), “The carbon footprint of global tourism,” Nature Climate Change - https://www.nature.com/articles/s41558-018-0141-x
  
Altro
Dario Ruggiero, (febbraio 2018), "CONCENTRAZIONE DI CO2 NELL’ATMOSFERA: nel 2070 toccheremo la soglia del non ritorno?"
 
 Dario Ruggiero, (febbraio 2018),"TEMPERATURA GLOBALE: continuano le anomalie - dicembre 2017, il terzo più caldo dicembre nella storia delle osservazioni"
 
Dario Ruggiero, (febbraio 2018), "Arctic Melting: a dicembre l’estensione dei ghiacci artici è stata circa 1 milione di km2 sotto la media 1981-2010"
 
Dario Ruggiero, (febbraio 2018), "Global Risk Report 2018: i rischi ambientali e tecnologici dominano lo scenario"
 
 Dario Ruggiero, (05 settembre 2017), "Lottiamo per un nuovo sistema: ad ottobre nasce la piattaforma-social www.ltemovement.org
 
Emanuele Bompan, (agosto 2017), Intervista con Kate Raworth: L'Economia della Ciambella
 
 Dario Ruggiero, (giugno 2017), 'Un'introduzione all’economia della “ciambella”, Sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo', 
 
"Che cosa è la Long Term Economy," LTEconomy
 
 Rosario Borrelli, (16 luglio 2017), "Da una costola della società moderna nasce il Movimento per un’Economia di Lungo Percorso", LTEconomy
 
Dario Ruggiero (a cura di), Intervista con David Lin (Global footprint Network, Direttore di Ricerca), "Come stoppare l'avanzata dell'Overshoot Day", LTEconomy
  

 

Diventa un sostenitore della Long Term Economy!!

La Long Term Economy è un associazione non-profit che ha l'obiettivo di aumentare il benessere in una prospettiva di lungo periodo preservando il capitale naturale, culturale e sociale. L'associazione lavora a che i nostri figli possano avere un futuro migliore.

Diventa un sostenitore della Long Term Economy: fai la tua donazione oppure dai il tuo contributo