SMART CITY

In a world that is heading towards the fateful stage of 2030, a year considered to be the limit for climate change due to the rise in atmospheric temperature according to the Paris and, subsequently, Madrid agreements meetings. Recently, we assisted in COP26 in Glasgow, an apparent compromise on fossil fuels in which China and India emerge, the most vulnerable countries lose and risk disappearing, there is also talk of the long-term economic and “smart cities”.

This is the topic I will have to deal with, especially in relation to my Italian experience. But what exactly are the projects related to smart cities in Italy and what prospects for expanding this experience throughout the national territory and also in the globalized world?

The hyperbolic growth of the world population with the growing demand for food, resources, products of industrialization, and consumerism prevailing above all in Western countries, America in the lead, has led scholars, researchers, architects, and politicians to seek immediate alternatives also due to the depletion of our planet’s resources.

In short, it is a question of moving from a linear economic model to a sustainable or circular model, in which the recycling phase acquires a substantial value. I am speaking specifically of the Italian model, in my opinion, considered more complex than other realities as it has to deal with the ancient construction (Roman, medieval, Renaissance, seventeenth-century, nineteenth-century, and early twentieth century) that is the existing historical centers that represent the artistic-cultural heritage of which Italy is proud and which constitutes about 80% of all the world’s artistic, archaeological and architectural heritage. Talking about sustainability means addressing the following issues: management of green spaces, recycling, and energy; digital transformation also of the public administration; cyber security; sustainable mobility; education, sustainable tourism from a cultural perspective; overcoming of architectural barriers. Entering the merits of Italian cities, it is clear that Milan ranks first, closely followed by Florence and Bologna. Bike sharing, car sharing, and the recent introduction of electric scooter sharing, including the so-called “Vertical Forest”, or skyscrapers with trees, by some Italian architects.

With the introduction of cycle paths, columns for electric cars on the rise, the acquisition of electric buses for the transport of citizens (many of whom are elderly, considering that the Italian population is the longest-lived in Europe), the energy transformation of buildings for energy self-sufficiency, the diffusion of digital services (such as the innovative 5G Fixed Wireless Access of the Milanese administration as part of an ambitious European project), a transformation that is certainly not easy for historic cities in which directional services are generally concentrated in the city center. Other urban development strategies are, in summary, in view of the fateful date/limit of 2030, relating to three substantial points: Connection; Innovation; E-mobility.But, at the center of the foregoing, there is always the problem of energy efficiency, such as Eu-Gugle (http://eu-gugle.eu/it/), an EU-funded pilot project for the intelligent refitting of entire buildings with the aim of reducing energy needs and integrating renewables. In simple terms, the so-called “coat”, is a double coating that insulates the building from the cold in winter and protects it from the heat in summer. At the heart of energy efficiency, there are, then, a whole series of measures and precautions aimed at avoiding dispersions, favoring digitization through Wi-Fi, 5G, and broadband, the digitization of the administration to give citizens the opportunity to have certificates without unnecessary movements, just with a click. Furthermore, the pandemic crisis has forced not only students of all kinds and levels of education, but also ordinary citizens to work remotely using video conferencing software such as Zoom and Google Meet.

In fact, if today we can discuss in videoconference among ourselves, as we did in the past to talk about sustainability and education, we owe it to the new frontiers of videoconferencing that have personally allowed me to follow high-profile webinars and to become part of, in quality of architect, of projects aimed at sustainability. Never ever, in the recent past, would I have thought of broadening my knowledge and potential as a currently certified blogger on Sustainability, Long Term Economy, and, soon, on Climate Change, up to these unexpected frontiers and goals. We are all grateful for new technologies, as long as they do not become systems of control of the masses and potential dangers especially in the educational field for young children, too focused on tablets and smartphones, and less on authentic cultural content that are acquired through serious learning and also through the potential that the network offers, but less social networks. From this quick overview of the model cities in Italy, it is clear that there is still a long way to go. The speed with which technology advances is not equal to that of adapting to indispensable models of sustainability, recycling, and health through a renewed relationship with the environment around us. We should therefore find the right balance between modernization and the relationship with our psyche that finds the source of well-being in nature.

Sociality, education, development, and health are the basis of cutting-edge Italian cities, such as Bologna, but they represent a minority on the global scene. So what to do to protect yourself from the climate emergency? Beyond the pharaonic projects (vertical skyscrapers, which in my opinion is a palliative of fashion), beyond the still poorly advanced and widespread electric cars, we should in the meantime try to save what can be saved, waiting for more advanced technology of urban transport and extra-urban allows us to look to the near future with greater optimism.

The recycling of electric batteries and their high cost push us to think of hydrogen or solar as privileged means of transport, but we are still too far behind the 2020 emergency and the movement of business centers outside the cities and not in the heart of them. While waiting for rapid progress  ̶  and these are basically political choices that instead of looking at an immediate gain, look to a future development perspective ̅ we should simply avoid any waste as citizens of our small isolated planet in the Universe, recycling should be the word of the day’s order. Then it is up to the Administrations to take an interest in green areas, waste disposal in special Ecological Islands, use many more electric buses for the elderly, students, workers, etc. if we really want smart cities we must also press electorally on the political class so that this dream can come true. After all, each of us is a drop that, combined with the others, is capable of forming a tsunami. The tsunami of change in view of the ambitious goal of 2030.

By Franca Colozzo

 

 

 SMART CITY

 

 

In un mondo che si avvia alla tappa fatidica del 2030, anno ritenuto limite per i cambiamenti climatici a causa dell’innalzamento della temperatura atmosferica secondo gli accordi di Parigi e, successivamente, di Madrid (dopo i recenti incontri del COP26 a Glasgow, un  compromesso a quanto pare sui combustibili fossili in cui la spuntano Cina e India, perdono i Paesi più vulnerabili che rischiano di scomparire) , si continua a parlare anche di economia a lungo termine e di “smart cities”.

Questo è l’argomento di cui dovrò trattare soprattutto relativamente alla mia esperienza italiana. Ma cosa sono esattamente i progetti relativi a smart city in Italia e quali prospettive di espandere questa esperienza su tutto il territorio nazionale ed anche nel mondo globalizzato.La crescita iperbolica della popolazione mondiale con la crescente richiesta di cibo, risorse, prodotti dell’industrializzazione, consumismo imperante soprattutto nei paesi occidentali, America in testa, ha indotto studiosi, ricercatori, architetti, politici a cercare alternative nell’immediato anche a causa del depauperamento delle risorse del nostro pianeta.

Si tratta in sintesi di passare da un modello economico  lineare ad un modello sostenibile o circolare, in cui la fase del riciclo acquista una valenza sostanziale. Parlo nello specifico del modello italiano, a parer mio, ritenuto più complesso rispetto ad altre realtà in quanto deve confrontarsi con il costruito di antica fattura (romana, medievale, rinascimentale, seicentesca, ottocentesca e del primo Novecento) ossia dei centri storici esistenti  che rappresentano il patrimonio artistico-culturale di cui l’Italia va fiera e che costituisce circa l’80% di tutto il patrimonio artistico, archeologico, architettonico mondiale. Parlare di sostenibilità, significa affrontare le seguenti questioni: gestione di spazi verdi, riciclo, energia; trasformazione digitale anche della pubblica amministrazione; cyber sicurezza; mobilità sostenibile; istruzione, turismo sostenibile in un’ottica culturale; superamento delle barriere architettoniche.

Entrando nel merito delle città italiane, si evince che Milano si colloca al primo posto, seguita a ruota da Firenze e Bologna. Il bike sharing, il car sharing e la recente introduzione dello sharing del monopattino elettrico, incluso il cosiddetto “Bosco verticale”, ovvero grattacieli con alberi, ad opera di alcuni architetti italiani. Con l’introduzione di piste ciclabili, colonnine per auto elettriche in aumento, acquisizione  di bus elettrici per il trasporto dei cittadini, (molti dei quali anziani considerato che la popolazione italiana è la più longeva d’Europa), con la trasformazione energetica degli edifici per l’autosufficienza energetica, la diffusione dei servizi digitali (quali l’innovativa 5G Fixed Wireless Access dell’Amministrazione milanese nell’ambito di un ambizioso progetto europeo), si ipotizza una trasformazione certo non facile per città storiche in cui i servizi direzionali sono in genere concentrati al centro della città.Altre strategie  di sviluppo urbano sono, in sintesi, in vista della fatidica data/limite del 2030, relativi a tre punti sostanziali: Connessione; Innovazione; E-mobility.

Ma, al centro di quanto esposto, c’è sempre il problema dell’efficienza energetica, quale ad esempio Eugugle,   progetto pilota finanziato dall’UE per la trasformazione (refitting) intelligente di interi edifici con l’obiettivo di ridurre il fabbisogno energetico e integrare le rinnovabili. In parole semplici,  il cosiddetto “cappotto”, ossia un doppio rivestimento che isola  l’edificio dal freddo in inverno e lo protegge dal caldo in estate.

Al centro dell’efficienza energetica  ci sono, poi, tutta una serie di misure e accorgimenti volti ad evitare dispersioni, favorire la digitalizzazione attraverso il Wi-Fi, 5G e banda larga, la digitalizzazione dell’amministrazione per dare al cittadino la possibilità di avere certificati senza inutili spostamenti, solo con un click. Inoltre, la crisi pandemica, ha costretto non solo studenti di ogni genere e grado di istruzione, ma anche normali cittadini   a lavorare da remoto sfruttando software di videoconferenza come Zoom e Google Meet.

Infatti, se oggi possiamo discutere in videoconferenza tra di noi, come già avvenuto in passato per parlare di sostenibilità ed educazione, lo dobbiamo alle nuove frontiere di videoconferenza che mi hanno personalmente permesso di seguire webinar di alto profilo e di entrare a far parte, in qualità di architetto, di progetti tesi alla sostenibilità. Mai e poi mai, in un passato recente, avrei pensato di allargare la mia conoscenza e le mie potenzialità di attuale blogger certificato sulla Sostenibilità, Long Term Economy e, prossimamente, su Climate Change, fino a queste insperate frontiere e goal. Siamo tutti grati alle nuove tecnologie,  purché non diventino sistemi di controllo delle masse e potenziali pericoli soprattutto in ambito educativo per giovani ragazzi, troppo concentrati su tablet e smartphone,  meno su autentici contenuti culturali che si acquisiscono  tramite un apprendimento serio ed anche attraverso le potenzialità che offre la rete, meno però i social network.Da questo veloce excursus sulle città modello in Italia, si evince che molta strada è ancora da percorrere. La velocità con cui avanza la tecnologia non è pari a quella dell’adeguamento a modelli indispensabili di sostenibilità, riciclo, salute attraverso un rinnovato rapporto con l’ambiente che ci circonda. Dovremmo quindi ritrovare un giusto equilibrio tra modernizzazione e rapporto con la nostra psiche che trova nella natura la fonte del benessere.

Socialità, istruzione, sviluppo e salute sono alla base di città italiane all’avanguardia, come ad esempio Bologna, ma esse rappresentano una minoranza nel panorama globale. Cosa fare dunque per mettersi al riparo dell’emergenza climatica?

Al di là dei faraonici progetti  (grattacielo verticale,  che secondo me è un palliativo di moda), al di là delle auto elettriche ancora scarsamente avanzate e diffuse, dovremmo cercare intanto di salvare il salvabile, in attesa che una più avanzata tecnologia del trasporto urbano ed extra-urbano ci consenta di guardare con maggior ottimismo al prossimo futuro. Il riciclo delle batterie elettriche ed il loro costo elevato ci spingono a pensare all’idrogeno o al solare come mezzi privilegiati di trasporto, ma siamo ancora troppo indietro rispetto all’emergenza 2020, così come lo spostamento dei centri direzionali all’esterno delle città e non nel cuore di esse.

In attesa che si proceda rapidamente – e queste sono sostanzialmente scelte politiche che anziché guardare al guadagno immediato, guardano ad una prospettiva di sviluppo futuro – dovremmo semplicemente evitare ogni spreco come cittadini del nostro  piccolo pianeta isolato nell’Universo, riciclare dovrebbe essere la parola d’ordine. Poi spetta alle Amministrazioni interessarsi delle aeree verdi, dello smaltimento dei rifiuti in apposite Isole Ecologiche, utilizzare molti più autobus elettrici per anziani, studenti, lavoratori, etc.  se veramente vogliamo le smart city dobbiamo premere anche elettoralmente sulla classe politica affinché questo sogno possa realizzarsi. In fondo ognuno di noi è una goccia che, unita alle altre, è in grado di formare uno tsunami. Lo tsunami del cambiamento in vista dell’ambizioso traguardo del 2030.

Franca Colozzo

An Italian Architect/Writer /ex Teacher in Italy and also in Turkey, passionate about Human Rights, Peace, Education, Environment, Women’s Empowerment, sustainable Architecture.

Franca Colozzo has 22 posts and counting. See all posts by Franca Colozzo

Franca Colozzo

Leave a Reply