CLIMATE CHANGE

A challenge to be won

 

The problem of the rise in the earth’s temperature that we are already experiencing dramatically and which will take on catastrophic aspects, according to experts, around 2050, however, sees us helpless for a series of considerations that I will bring to your attention.
Apart from the carbon monoxide emissions absolutely to be reduced, I wonder how by 2030 it will be possible to reduce the damage to the environment to some sections of the world population, severely tested by a post-pandemic crisis with growing hunger and misery (especially in Africa and Southeast Asia).
The transition to desirable green energy, biologically tested crops and environmentally friendly recycling is a goal that provides for basic well-being: lack of emergency situations such as hunger, a kind of education that knows how to indicate sustainable development is not just a slogan, but a radical change of habits.
Choosing a non-consumerist, ecology, the environmentalist policy represents a step forward that the Western countries that have plundered the planet should make, especially Africa, a young continent rich in enormous resources. Their good example, however, should be in line with a policy that takes into account above all the fact that our planet is currently unable to feed the approximately 8 billion population, in constantly accelerated growth.
So from the slogans that easily appear on social media with the abused word “Sustainability” we should move on to facts, also to set a good example for those who, like Africans, cannot afford the luxury of such unbridled consumerism as the one we are also witnessing through advertising. The continuous and inappropriate “disposable”, from appliances to mobile phones, from clothes to cars – not to mention the global trash can that our Earth is becoming – makes us understand that we cannot think of getting rid of objects, leaving them outside the door of our house. In fact, the world is the very door of our house, an immense dustbin even under the seas, lakes, and rivers, as well as on dry land. Therefore, it does not depend so much on individual wealth, but on civic sense and respect for our fellow humans, the environment, animals, and plants on loan, but not to make such wicked use of them.
Let’s roll up our sleeves, therefore, using what we possess sparingly! It is not important whether the mobile phone is of the latest generation or the dress with the fashion label. These considerations are now addressed to many of those young people who today take to the streets to protest against climate change. How much blame do they have in all this, in addition to the older consumerist and post-war generation? For my part, while being able to afford a more luxurious and expensive life, I have always lived in a Spartan way because I love Nature and, never, never, would I neglect it for everyday objects. Nature is our true source of life and inner wealth.
I hope that in the consumerist “mindset” of many Italians this does not appear as meanness. Unfortunately, the habit of thinking in these terms has led people to homologate, young people to drink to excess, take drugs or smoke, to follow stupid fashions filled with mass media for use and abuse by rich tycoons, those few who accumulate wealth. world to the detriment of the masses.
Please allow me to quote a Latin motto: “Panem et circenses”, the vulgar (from Vulgaris which means “people”) throws itself on advertising propaganda, deceptive and false, and makes this own flag.
I do not take lessons from those who praise the theory of unbridled consumption nor from young people who appropriate slogans and models of life without really making them their own. I ask them to be sober, frugal, scholars, instead of spending their time with a mobile phone in hand, sitting in a bar for hours. I do not pretend to make you moral, but I am simply describing a lifestyle, the only one possible if we really want the world to be saved. Our world is sick and, in a few years, it would take another 3 or more to meet the needs of a growing global population. But where to get them? Until humans are able to settle on the Moon or Mars, or in stations orbiting the Earth, it will be unlikely to be able to solve this problem.
In conclusion, from our Western point of view, it is important to reduce consumerism and I am referring in particular to America which, together with China, represents the most polluting nation on the planet. India also plays its part including the high birth rate, one of the highest in the world.
In addition, the use of meat from farmed animals (about 60% of all animals) has caused another nefarious phenomenon: excessive consumption of water for cattle to be slaughtered to produce steaks. Don’t be told that water belongs only to the areas where it flows most heavily. It is an attestation at the basis of many wars to appropriate the springs and glaciers, an immense reserve of water.
Water is a precious commodity and belongs to the entire world population because it is essential for life and should be guaranteed and free for all men. But, in the face of progressive desertification, a consequence of climate change, the drama of water shortages will increasingly become an emergency and the cause of other disasters and wars.
There is much more to say, but I would just like to add two words for the African emergency and Asian overpopulation: two opposing phenomena, but unfortunately dramatically increasing.
By Franca Colozzo

 

*(IT)

CAMBIAMENTO CLIMATICO
Una sfida da vincere

 

Il problema dell’innalzamento della temperatura terrestre che stiamo già vivendo drammaticamente e che assumerà aspetti catastrofici, secondo gli esperti, intorno al 2050, ci vede però impotenti per una serie di considerazioni che porterò alla vostra attenzione.
A parte le emissioni di monossido di carbonio assolutamente da ridurre, mi chiedo come entro il 2030 sarà possibile ridurre i danni all’ambiente per alcune fasce della popolazione mondiale, messa a dura prova da una crisi post-pandemia con fame e miseria crescenti (soprattutto in Africa e nel sud-est asiatico).
Il passaggio all’auspicabile energia verde, alle colture biologicamente testate e al riciclaggio rispettoso dell’ambiente è un traguardo che prevede il benessere di base: assenza di situazioni di emergenza come la fame, un’educazione che sappia indicare lo sviluppo sostenibile non è solo uno slogan, ma un cambiamento radicale delle abitudini.
La scelta di una politica non consumistica, ecologica, ambientalista rappresenta un passo in avanti che i paesi occidentali che hanno saccheggiato il pianeta dovrebbero fare, soprattutto l’Africa, un continente giovane e ricco di enormi risorse. Il loro buon esempio, però, dovrebbe essere in linea con una politica che tenga conto soprattutto del fatto che il nostro pianeta attualmente non è in grado di sfamare i circa 8 miliardi di abitanti, in costante crescita accelerata.
Quindi dagli slogan che compaiono facilmente sui social con la parola abusata “Sostenibilità” dovremmo passare ai fatti, anche per dare il buon esempio a chi, come gli africani, non può permettersi il lusso di un consumismo sfrenato come quello che siamo testimoniando anche attraverso la pubblicità. Il continuo e inopportuno “usa e getta”, dagli elettrodomestici ai cellulari, dai vestiti alle auto – per non parlare del bidone della spazzatura globale che sta diventando la nostra Terra – ci fa capire che non possiamo pensare di liberarci degli oggetti, lasciandoli fuori dalla porta di casa nostra. Il mondo, infatti, è la porta stessa della nostra casa, un’immensa pattumiera anche sotto i mari, i laghi e i fiumi, oltre che sulla terraferma. Non dipende quindi tanto dalla ricchezza individuale, ma dal senso civico e dal rispetto per i nostri simili, per l’ambiente, per gli animali e per le piante in prestito, ma non per farne un uso così malvagio.
Rimbocchiamoci le maniche, dunque, usando con parsimonia ciò che possediamo! Non importa se il telefonino è di ultima generazione o l’abito della griffe. Queste considerazioni sono ora rivolte a molti di quei giovani che oggi scendono in piazza per protestare contro il cambiamento climatico. Quanta colpa hanno in tutto questo, oltre alla vecchia generazione consumistica e del dopoguerra? Da parte mia, pur potendo permettermi una vita più lussuosa e costosa, ho sempre vissuto in modo spartano perché amo la Natura e, mai, mai, la trascurerei per oggetti di uso quotidiano. La natura è la nostra vera fonte di vita e ricchezza interiore.
Spero che nella “mentalità” consumistica di molti italiani questa non appaia come meschinità. Purtroppo l’abitudine a pensare in questi termini ha portato le persone ad omologarsi, i giovani a bere a dismisura, a drogarsi oa fumare, a seguire stupide mode piene di mass media ad uso e abuso da parte dei ricchi magnati, quei pochi che accumulano ricchezza. mondo a scapito delle masse.
Mi permetta di citare un motto latino: “Panem et circenses”, il volgare (da vulgaris che significa “popolo”) si butta sulla propaganda pubblicitaria, ingannevole e falsa, e fa di questa la sua bandiera.
Non prendo lezioni da chi elogia la teoria del consumo sfrenato né dai giovani che si appropriano di slogan e modelli di vita senza farli davvero propri. Chiedo loro di essere sobri, frugali, studiosi, invece di passare il tempo con il cellulare in mano, seduti per ore in un bar. Non pretendo di renderti morale, ma sto semplicemente descrivendo uno stile di vita, l’unico possibile, se davvero vogliamo che il mondo si salvi. Il nostro mondo è malato e, in pochi anni, ne servirebbero altri 3 o più per soddisfare i bisogni di una popolazione globale in crescita. Ma dove trovarli? Fino a quando gli umani non saranno in grado di stabilirsi sulla Luna o su Marte, o in stazioni orbitanti attorno alla Terra, sarà improbabile che riescano a risolvere questo problema.
In conclusione, dal nostro punto di vista occidentale è importante ridurre il consumismo e mi riferisco in particolare all’America che, insieme alla Cina, rappresenta la nazione più inquinante del pianeta. Anche l’India fa la sua parte compreso l’alto tasso di natalità, uno dei più alti al mondo.

Inoltre, l’utilizzo di carne di animali d’allevamento (circa il 60% di tutti gli animali) ha causato un altro fenomeno nefasto: l’eccessivo consumo di acqua per i bovini da macellare per produrre bistecche. Non si dica che l’acqua appartiene solo alle aree dove scorre più pesantemente. È un’attestazione alla base di tante guerre per appropriarsi delle sorgenti e dei ghiacciai, immensa riserva d’acqua. L’acqua è un bene prezioso e appartiene all’intera popolazione mondiale perché è essenziale per la vita e dovrebbe essere garantita e gratuita per tutti gli uomini. Ma, di fronte alla progressiva desertificazione, conseguenza del cambiamento climatico, il dramma della scarsità d’acqua diventerà sempre più un’emergenza e la causa di altri disastri e guerre. C’è molto altro da dire, ma vorrei solo aggiungere due parole per l’emergenza africana e la sovrappopolazione asiatica: due fenomeni contrapposti, ma purtroppo in forte aumento.
 Franca Colozzo

Franca Colozzo

An Italian Architect/Writer /ex Teacher in Italy and also in Turkey, passionate about Human Rights, Peace, Education, Environment, Women’s Empowerment, sustainable Architecture.

Franca Colozzo has 21 posts and counting. See all posts by Franca Colozzo

Franca Colozzo

Leave a Reply