Verso un Modello Circolare e Sistemico – Intervista con Long Term Economy

Oggi più che mai sembra che ci sia un consenso generale sul fatto che la nostra società sia non sostenibile. C’è lo dice il Cambiamento Climatico e ce lo dicono i dati e gli evidenti segnali di instabilità sociale a livello globale e locale. Gli economisti ecologici hanno ben capito che il sistema conta più delle parti e che la Natura sia il modello da imitare e da proteggere. Purtroppo ci scontriamo con un sistema economico che rema contro queste conclusioni e rende di difficile applicazione tutte le buone idee che ci proponiamo. Rompere questo muro è uno degli obiettivi di Patty L’Abbate, Economista Ecologico diventata senatrice con il Movimento 5 Stelle. Perché abbiamo bisogno dell’Economia Circolare e come dare concretezza ai buoni propositi? Che tipo di tecnologia ci occorre e quali gli strumenti messi in campo dal governo per sviluppare una tecnologia positiva (industria 4.0, start up innovative, blockchain ed economia circolare)? Quali conclusioni è possibile trarre dalla COP24 in Polonia? Perché a un individuo, un Paese e al mondo conviene essere sostenibili e perché occorre una visione olisticaper affrontare le sfide del 21° secolo?

Ho il piacere di condividere questa intervista (vedi la fonte in basso) che ho fatto insieme ai professionisti delle long Term Economy che propone uno shift nel modo di pensare, decidere e agire dal breve termine (profitto) al lungo termine (natura, società, territorio, cultura).

 

Hihlight

Qui alcuni spunti

  • La difesa di Gaia, della nostra Terra è la mia mission, in quanto ne riconosco l’unicità e sento un profondo senso di responsabilità nei confronti delle generazioni future e del pianeta che ci accoglie.
  • Il passaggio dall’economia lineare ad un modello circolare è necessario. La Natura funziona in questo modo e dobbiamo imitarla perché niente al mondo può essere più sostenibile e benefattore della Natura.
  • Recepire le direttive può essere anche semplice, la difficoltà si riscontra nell’applicarle ad un sistema economico che da anni è sintonizzato su abitudini e regole lineari.
  • La tecnologia è un’arma a doppio taglio. I suoi effetti dipendono dai fini per cui la produciamo e dai modi in cui la utilizziamo. La tecnologia deve essere un mezzo, non un fine!
  • La tecnologia non va imposta! Deve essere gestita dal cittadino; il cittadino deve apprenderla e conoscerla e soprattutto non deve divenirne schiavo.
  • Il PIL?…non amo molto questo indicatore ormai obsoleto e direi “monco”. Il Prof. Nicholas Georgescu-Roegen e in Italia, il Prof. Giorgio Nebbia, hanno affrontato questo tema in profondità studiando una contabilità fisica, ossia fatta di flussi di materia e non di denaro. Successivamente ho trovato interessante il metodo LCA (Life Cycle Assessment)
  • E’ ormai giunto il momento storico che richiede di porre fine alla competizione che pervade i nostri sistemi. L’unico approccio che può avere successo in futuro è quello collaborativo!
  • Le potenze più grandi sono state le prime a commissionare un Report alla IPCC che riportasse lo stato reale del nostro Pianeta, e quando i risultati sono stati presentati, hanno preso le dovute distanze, ritirandosi, invece di assumersi la responsabilità e passare all’azione.
  • Il problema è la visione riduzionista di questo modello. Se non si guarda al sistema in modo olistico, l’economia e destinata a perdersi nel lungo periodo. Qualsiasi manovra effettuata con il supporto di teorie tradizionali economiche, e con modelli economici obsoleti non funziona.
  • Il Ministero della Pubblica Istruzione e Ministero dell’Ambiente hanno emesso a gennaio un bando per l’attività di educazione ambientale nelle scuole, ci sono 1,3 milioni disponibili. L’obiettivo è l’elaborazione di un piano nazionale per l’educazione ambientale nelle scuole italiane di ogni ordine e grado.

 

Vedi l’intervista completa

http://www.lteconomy.it/it/topic-interview-it/interviste/patty-l-abbate-economia-circolare

 

Patty L'Abbate

Senatrice della Repubblica Italiana; Dottore di ricerca, Economista Ecologica

Patty L'Abbate has 1 posts and counting. See all posts by Patty L'Abbate

Patty L'Abbate

Leave a Reply